lunedì 15 marzo 2010

Pucce



Andiamo ogni anno in vacanza in Puglia ed appena ho visto il contest organizzato da Paoletta del Blog Anice&Cannella, ho pensato che mi sarebbe piaciuto un sacco partecipare, ma tra un impegno e l'altro non pensavo che ci sarei davvero riuscita, invece è stata prorogata la data di scadenza....ed eccomi qui con le Pucce!

Anice&Cannella insieme a Sapori dei Sassi, presentano: Puglia e Basilicata a tavola!



Il piatto che in assoluto preferisco della cucina Pugliese è la pasta con i ricci di mare, ma è impossibile trovarli freschi a Roma..quindi ho deciso di sperimentare le Pucce. E' un tipo di pane pugliese, croccante e molto saporito perchè condito con olive, cipolle e pomodori.
Mi è capitato spesso di trovare (a Gallipoli, specifico perchè da paese a paese, anche se vicinissimi, le ricette cambiano) panifici e ristoranti che mettevano nelle pucce le olive intere, cioè comprensive di nocciolo, pericolossissimo per chi non lo sa, io lo leverò!!

Delle tradizioni legate a questo piatto non ne so molto, ma da wikipedia sono riuscita a scoprire che le pucce venivano preparate il giorno prima dell'Immacolata, perchè la tradizione impone che per quel giorno si faccia digiuno eccetto che per una puccia, così le donne non erano obbligate a cucinare potendo seguire i riti religiosi legati alla festività.
.


Ingredienti per sedici pucce
per la pasta

500 gr. di farina bianca
30 gr. di lievito di birra
sale

per il condimento

3 piccole cipolle
1 pomodoro fresco
5 dl di olio extra vergine d'oliva
100gr. di olive verdi o nere

Setaccio la farina e formo la fontana, verso al centro il lievito sciolto in 10dl di acqua tiepida (circa 10 cucchiai) ed una abbondante presa di sale, impasto fino ad ottenere una pasta elatica e liscia, aggiungendo altra acqua (sempre tiepida) all'occorrenza. Formo una palla che cospargo di farina e metto in una terrina coperta per 4 ore.


Taglio finemente le cipolle e le metto a soffriggere nell'olio caldo aggiungo, dopo aver sminuzzato, i pomodori secchi , le olive snocciolate e il pomodoro fresco, privato dei semi e della buccia, faccio cuocere per 15 minuti.


Alla fine della lievitazione aggiungo il soffritto, ormai freddo, all'impasto. Formo tante piccole pagnotte, le sistemo sulla teglia distanziandone bene una dall'altra e le lascio lievitare ancora un'ora, coperte, passata la quale inforno il tutto a 200° (forno già caldo) per 20-25 minuti.

Sono croccanti saporite e morbide all'interno, si mantengono fragranti anche per più giorni.


Condividi

18 commenti:

  1. Tesoroooo, anche a me piace da matti la pasta con i ricci!!!
    Sai che da pugliese che sono, non ho mai assaggiato le pucce?
    Forse perchè le fanno solo nel salentino...
    dovrò provvedere ;-)
    Baci gioia!

    RispondiElimina
  2. @Gaia: grazie Gaia, sei proprio un tesoro!

    RispondiElimina
  3. che meraviglia ..le pucce, non le conoscevo, grazie Federica ! ciao

    RispondiElimina
  4. Che buoniiii! li faccio subito!

    RispondiElimina
  5. ma che buone!!!!complimenti!!

    RispondiElimina
  6. @Stefania: ci siamo commentate reciprocamente nello stesso momento!! Grazie, favolosa la tua torta di carote!

    @Laura: provale, sono buonissime!!

    @Federica: Grazie mille!!

    RispondiElimina
  7. hai nominato la pasta con i ricci??????
    ecco ora come faccio??
    la adoroooo veramente.
    E adesso starò per tutto il giorno ad immaginare di sentire il profumo del mare..

    RispondiElimina
  8. Che ricetta sfiziosa!!!
    a me piacciono molto i pomodori secchi!!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. Ahhhh gli spaghetti ai ricci di mare.....
    Bellissime queste tue pucce (che foto! Ma quanta luce hai in casa??) e interessante l'origine. Buona settimana!

    RispondiElimina
  10. Ciao cara, sono buonissime io le mangio spesso...da buona pugliese...ti sono venute benissimo...un abbraccio, Luciana

    RispondiElimina
  11. che fameee!!! cavoli... sono deliziose queste pucce, bravissima!
    buona settimana.

    RispondiElimina
  12. venire a trovarti è sempre una sorpresa. Una sorpresa piacevolissima!

    RispondiElimina
  13. le pucce!! divine nel salento questa estate!! brava proporle...e sembrano esserti venute veramente bene!

    RispondiElimina
  14. Squisite! Le tue pucce sembrano croccanti e saporite, proprio uguali a quelle originali pugliesi! Che gusto... bravissima. Un abbraccio. Deborah

    RispondiElimina
  15. buone, voglio provare a farle anche io!!

    bellissime foto!

    RispondiElimina
  16. Queste pucce non le conoscevo e mi sono piaciute all'istante. Brava Federica! Mi sa che prendo a prestito l'ispirazione... in realtà i pomodori secchi e le olive nel pane ce le metto anche io, ma il pomodoro fresco mi mancava.perciò grazie con la ricetta e a presto!

    Sabrine

    PS1: auguri in ritardo al tuo Tommaso
    PS2: ricette di Nonna Papera in arrivo... scusa il ritardo (anche qui), ma ho una lista di richieste da smaltire che non finisce più (e mi fa un grande piacere!)

    RispondiElimina
  17. @Alem e Lucia: sono contenta che condividiamo questa passione..devo dire che a me i ricci mi piacciono un sacco anche senza la pasta!!

    @Maetta, Luciana e Betty: grazie mille ragazze!

    @Angela: le tuo foto sono sorprendenti.

    @Paolo: grazie Paolo, io non vedo l'ora di tornarci in puglia..ormai manca poco!

    @Deborah: ciao Deborah, grazie mille, proprio belle le tue crespelle, chissà che buone!

    @Antico Valore: prova, prova, prova!!

    @Sabrine: tommaso ti ringrazia molto per gli auguri! Aspettiamo la ricetta, senza fretta, il fatto che tu abbia una lunga lista è proprio la dimostrazione di quanto sia stata apprzzata la tua iniziativa, brava!

    RispondiElimina